Corto maltese

Corto maltese

sabato 2 novembre 2019

Triathlon Olimpico di Porto Recanati


Siamo arrivati alla fine della stagione 2019...finalmente aggiungerei.....il mio fisico ma sopratutto la mia testa me lo avevano fatto capire già da un paio di settimane, dopo l'Ironman 70.3 di Cervia ho decisamente mollato, la stagione è stata lunga e faticosa ed era ora di riposarmi...volevo chiudere con il weekend di gare di Cervia, campionati italiani ELITE  il sabato e triathlon sprint alla domenica ma è andato tutto storto, prima il venerdí scopro, per un disguido al lavoro, che sabato mattina non c'è nessuno che possa sostituirmi e quindi gli italiani ELITE e relativa iscrizione vanno a farsi fottere, mi dico "vabbeh tanto sarei arrivato tra gli ultimi....mi faccio lo sprint della domenica e la chiudiamo lí." E invece NO, la mia nuvoletta di Fantozzi mi perseguita e il sabato mattina, mentre lavoro con il morale non al massimo mi chiamano e mi dicono che visto che non ho fatto i campionati ELITE non posso fare lo sprint altrimenti la federazione mi diffida....quindi gara e relativa iscrizione a puttane :-(
Ma visto che, ad inizio stagione, mi ero imposto di fare almeno 10 gare mi iscrivo al triathlon olimpico di Porto Recanati la domenica dopo, fa ancora caldo e cosí io e la mia famiglia ne approfittiamo per farci un week end al mare.
Sapevo già prima della gara che non avrei fatto una gran prestazione ma per come si è svolta la gara mi è rimasto parecchio amaro in bocca.
Partenza alle 9.30. La partenza della frazione swim è molto stretta, non posso fare come al solito e mettermi laterale, avrei rischiato di finire sugli scogli quindi mi butto nella mischi e a parte i primi 50 metri di botte riesco a mettermi dietro a Giorgetti e resto li fino alla fine, risultato: miglior nuoto dell'anno (passo 1'27"), il cambio non lo faccio benissimo, mi incarto nel togliermi la muta ma appena parto in bici spingo e rientro su Giorgetti, dopo qualche km formiamo un gruppetto di 5 ma a parte me e Giorgetti gli altri non hanno la gamba e la frazione bike fa pena, non riusciamo neache a prendere Mariotti (gran gara la sua), rientriamo in T2 , in bici non ho fatto fatica per niente e penso di correre forte invece il fiato c'è ma le gambe NO, alla fine quarto assoluto (primo di categoria) a poco più di un minuto dal primo....si poteva fare decisamente meglio ma si prende quel che viene.
Adesso una settimna di ZERO SPORT poi si ricomincia piano piano.
:-)





Nessun commento:

Posta un commento